P.A.I. Allevatori

 

 LOGO_PAI_NEW.png

 

      PERCHE’ LA NASCITA DEL PROGRAMMA P.A.I ?

Schermata_2017-09-22_alle_21.59.33.png

P.A.I sono le iniziali del progetto piu’ ambizioso dell’Associazione Jack Russell Terrier Italia ® e stanno a significare Progetto Allevatori Italia.Questo progetto fa parte di uno degli scopi associativi Statutari di tutela, salvaguardia e valorizzazione della razza Jrt in Italia. Questo progetto è diventato molto importante negli ultimi anni a causa dell’aumento esponenziale della domanda, da parte degli utenti italiani, di informazioni riguardo all’acquisto di cuccioli e conseguentemente anche l’aumento dei cosiddetti “cagnari” improvvisati che recano un danno sia alla razza che anche a chi li acquista confondendoli e truffandoli,contrastando così anche il traffico illecito di cuccioli provenienti dai mercati dell’Est Europeo e nel contempo tutelando la professionalità e la serietà dei molti allevatori presenti sul territorio nazionale.

L’Associazione Nazionale Jack Russell Terrier Italia ® attraverso i suoi esperti ha elaborato un piano di certificazione degli allevatori italiani che permetterà ancora una maggiore qualità e sicurezza offerta a coloro che volessero avere un cucciolo di jrt con controlli effettuati a campione su di essi nel corso dell’anno da nostri operatori volontari professionisti e guardie ecozoofile.

Jack Russell Terrier Italia ® tramite il decreto legislativo 529 del 30 Dicembre 1992 ( che recepisce la direttiva europea 91/174/CEE) relativo alla condizioni zootecniche e genealogiche che disciplinano la commercializzazione degli animali di razza è in prima fila per il contrasto della vendita di cuccioli senza libretto Genealogico ( Pedrigee ).

La Certificazione consente agli allevatori selezionati aderenti di godere dei vantaggi che il programma offre tra scontistiche disegnate su misura ed esclusive per loro e una visibilità senza eguali sul territorio nazionale grazie alla penetrazione mediatica dell'Associazione Nazionale e di Radio Punto Zero.

REQUISITI OBBLIGATORI PER RICHIEDERE L’ISCRIZIONE (delibera associativa n°1 del 18 aprile 2015)

PREMESSA

6L’ allevamento e la selezione del cane è associato a responsabilità di tipo etico che richiedono una gestione seria e onesta.

Pertanto è fatto obbligo ai nostri allevatori di rispettare il regolamento parte integrante della sottoscrizione.

Nel qual caso venisse verificato durante i controlli effettuati a campione nel corso dell’anno da nostri operatori incaricati e/o dalle nostre guardie ecozoofile o sempre dai nostri operatori su segnalazione da parte dell’utenza che non fossero rispettate in toto le norme prescritte l’allevatore e la sua azienda perderà tale certificazione con relativo obbligo di rimozione nel proprio sito web,social,e altro strumento informativo da lui in possesso del logo Di certificazione assegnatoli e ogni riferimento all’associazione.

Il mancato rispetto di tali obblighi comporteranno segnalazione alle autorità preposte per mezzo dell’ufficio legale di Jack Russell Terrier italia ® ai fini della tutela della sua immagine e la tutela dei propri soci e o eventuali fruitori dell’allevamento.

CONDIZIONI DI ALLEVAMENTO

1.Mantenere i propri cani nelle migliori condizioni di benessere e salute, con adeguate cure, pulizia, igiene, esercizio fisico e contatto con le persone.
2.Rispettare la normativa vigente sul benessere degli animali.

SELEZIONE

1. Impegnarsi ad approfondire le conoscenze sulla razza, sul suo standard morfologico, sulle problematiche sanitarie e sulle caratteristiche comportamentali e funzionali, modo da interpretare correttamente gli obiettivi di selezione.
2. Selezionare con l’obiettivo di migliorare la qualità della razza, secondo quanto previsto dallo standard di razza ufficiale (FCI).
3. Non agire come prestanome per la registrazione al libro genealogico di riproduttori o di cucciolate.
4. Osservare la normativa e i regolamenti dell’ENCI e delle associazioni da esso riconosciute.
5. Far riprodurre solo cani iscritti al libro genealogico italiano o a libri esteri riconosciuti dalla Federazione Cinologica Internazionale.
6. Non vendere cani non iscritti al libro genealogico.
7. Far riprodurre cani sani, cioè privi di malattie manifeste o impedimenti a una corretta funzionalità o portatori di patologie ereditarie rilevate.
8. Rendere accessibili gli esiti diagnostici di patologie ereditarie prima dell’accoppiamento, ai proprietari dello stallone o della fattrice del quale o a favore della quale viene richiesta la prestazione di monta.
9. Non accoppiare femmine troppo giovani, non prima del secondo calore, o troppo anziane. Dopo i sette anni di età è opportuno ottenere un certificato veterinario di idoneità alla riproduzione.
10. Per le razze in cui sono richiesti test comportamentali, rendere accessibili gli esiti delle valutazioni prima dell’accoppiamento.
11. Fornire in modo accurato i dati di allevamento.
12. Nell’allevamento impiegare solo soggetti che possono riprodursi in modo naturale. Evitare l’impiego della inseminazione artificiale (I.A.) per quei soggetti non in grado di accoppiarsi naturalmente.
13. Evitare di far riprodurre cani con reazioni comportamentali deviate come paura esagerata o aggressività
14. E’ opportuno che una fattrice, a salvaguardia del suo benessere, non abbia più di cinque cucciolate nella sua vita.

PUBBLICITA’ E COMMERCIO

1. Non essere dedito ad abituale commercio di cani da lui non allevati.
2. Fornire informazioni veritiere e complete sui cani del proprio allevamento.
3. Fare pubblicità del proprio allevamento e dei propri cani in modo onesto, e veritiero.
4. Non offrire cani a vendite per corrispondenza o come premio in competizioni o lotterie.
5. Non consegnare cuccioli prima dei 60 giorni di vita.
6. Non consegnare cuccioli prima di aver terminato il ciclo di vaccini obbligatorio.
7. Non consegnare cuccioli sprovvisti di Microchip.
8. Assicurarsi che l’acquirente si renda conto della responsabilità di detenere un cane e sia conscio delle caratteristiche morfologiche e comportamentali della razza.
9. Informare preferibilmente per iscritto l’acquirente sulla genealogia, sull’alimentazione avuta, i trattamenti antiparassitari e immunizzanti effettuati, e fornire indicazioni e consigli per una corretta socializzazione.

PROGRAMMA DI TUTELA, SALVAGUARDIA E PROMOZIONE RAZZA

REQUISITI PER IL RICONOSCIMENTO DEL PROGRAMMA ASSOCIATIVO DI TUTELA, SALVAGUARDIA E PROMOZIONE RAZZA

1. Certificazione Ufficiale (CE.LE.MASCHE) Grado 0 Lussazione della Rotula del ginocchio;
2. Certificazione Veterinaria Esenzione Patologie Ereditarie del Bulbo Oculare (Atrofia Progressiva della Retina(PRA), Cecità Diurna (Nictalopia), Cataratta e Glaucoma);
3. Produrre cuccioli con certificato genealogico (Pedigree) RSR di 4° generazione e ROI.
4. Rispettare il programma allevatori JrtItalia (codice etico).
5. lo staff P.a.i collabora nel progetto interno di tutela, salvaguardia e valorizzazione della razza Jack Russell Terrier in Italia seguendo la pagina dedicata agli annunci di Stalloni e fattrici, seguendo rigide normative interne che vietano la pubblicazione di esemplari sprovvisti di pedrigee ROI.

 L’Allevamento attraverso la certificazione avrà la possibilità essere distinto e riconosciuto dai propri clienti e una grande visibilità grazie al Network di Jack Russell Terrier Italia Radio Punto Zero, con l’inserimento della sua attività nel portale web,nelle pagine social ,nella App per smartphone e la possibilità di produrre materiale informativo recante tale accreditamento farà la differenza rispetto a tante altre realtà simili.

Per Contatti e info Chiamare il numero dell'Associazione Nazionale Jack Russel Terrier Italia ® 045/4854953 e premere il tasto 5

oppure scrivere a: jrtallevatori@jackrussellterrieritalia.com

Intervista ad Antonio Allevamento Canino's Way (www.caninosway.com) uno dei primi allevatori che ha aderito al progetto P.A.I. JrtItalia


Guarda la Brochure